I nostri consigli per comprare una fotocamera (giugno 2019)

I nostri consigli per comprare una fotocamera (giugno 2019)
25 June 2019 ftfoto

Molte persone, comprensibilmente, ci chiedono consigli su quale fotocamera comprare: ho scritto una rapida guida per comprendere questo mondo e spendere in modo intelligente 🙂

Le fotocamere si classificano in base alla dimensione del sensore, che per ragioni di fisica/ottica comporta benefit qualitativi, ma anche dimensioni e pesi più impegnativi man mano che si sale. attualmente esistono diverse fasce, di seguito spiegherò le più comuni con le loro principali caratteristiche.

 


COMPRENDERE IL MONDO DELLE FOTOCAMERE

I NOMI: le aziende danno un nome alla serie di fotocamera e alle varie versioni che escono, come per le auto: VW golf 3, golf 5, golf 7. spesso si trova il prefisso “mark” oppure “m” che significa “versione”: sony rx100m6 o mark6 o mVI sono sinonimi, e indicano la sesta versione di quella linea di fotocamere.

MIRRORLESS VS REFLEX: una reflex è una fotocamera in cui il mirino è ottico, ovvero si vede la realtà attraverso la lente tramite un sistema di specchi. una mirrorless ha la medesima impostazione ma il mirino è digitale, ovvero è un piccolo schermo. al giorno d’oggi con l’avanzamento tecnologico le mirrorless hanno raggiunto un’ottima affidabilità, entrambe le tipologie si associano spesso a obiettivi intercambiabili, e potenzialmente per un principiante si possono preferire le mirrorless alle reflex perché l’immagine che si vede è già un’anteprima dello scatto finale.

LO SFUOCATO: uno dei grandi fascini delle fotocamere rispetto alle foto da telefono è riuscire a sfocare lo sfondo ed avere solo il soggetto nitido. le due variabili che portano allo sfuocato sono lo zoom e la dimensione del sensore/diaframma dell’obiettivo: se una foto è molto zoomata è facile sfocare anche su un sensore piccolo, se si vuole sfocare un soggetto a distanze relativamente contenute è necessario un obiettivo luminoso, ovvero con un diaframma molto aperto, in combinazione con un sensore più grande. se avete dubbi o foto specifiche che vorreste fare, mandatele e chiedetemi informazioni!

I COSTI: il mondo della fotografia anni fa era popolato da milioni di macchine digitali. in tempi recenti gli smartphone, con i loro incredibili miglioramenti, stanno eliminando tutta la fascia bassa del mercato. la logica conseguenza è uno spostamento del mercato verso l’alto, ovvero un generico rincaro dovuto ai volumi di vendita ridotti delle aziende a parità di costi di ricerca e sviluppo, e sempre più attenzione alle fotocamere di fascia più alta dove il profitto è maggiore e uno smartphone non è in grado di dare risultati simili.

 


COSA COMPRARE – LA MIA OPINIONE

Serve stabilire un budget e, se ne avete, priorità particolari. “fare belle foto” è la priorità di tutti, “tanto zoom” oppure “tanto sfuocato” oppure “autofocus rapidissimo” sono già priorità particolari… per le quali vi consiglio di chiedermi nello specifico! detto questo, riassumo in fasce di budget ciò che io comprerei, ovvero che considero leader nella fascia di prezzo. Il mercato si distingue principalmente in tre livelli:

CIRCA 500 EURO: sony a6000 per una macchina ottima dalle dimensioni poco più piccole del normale, sony rx100m3 se si vuole massima compattezza (o serie precedenti per risparmiare), oppure nikon d3500 se si vuole per forza una reflex ma la sony di cui sopra è complessivamente più valida.

CIRCA 1000 EURO: fujifilm x-t30 per una fotocamera dall’aria vintage con foto eccellenti e un’esperienza d’uso molto piacevole. sony a6300 se si privilegia esclusivamente l’aspetto tecnico.

CIRCA 2000 EURO: sony a7mark3 per una fotocamera professionale di livello eccellente e piuttosto compatta; nikon d750 se si vuole una reflex e si hanno già delle ottiche.

 


LE CATEGORIE IN BASE AL SENSORE – NEL DETTAGLIO

Se volete potete fermarvi alle fotocamere che ho consigliato sopra, ma se volete capirne qualcosa di più, di seguito spiego come si divide il mercato delle fotocamere. a seconda delle vostre esigenze, potreste scoprire che la fotocamera giusta per voi è un modello particolare!

MENO DI UN POLLICE – SUPERZOOM: ormai inutili, tanto vale scattare con un buon telefono. si salvano soltanto quelle con maxizoom, se si ha la necessità specifica di questa funzione.

1 POLLICE – TASCABILI: le uniche valide in qualità ma tascabili, spesso sono costosette perché raccogliere tanta tecnologia in poco spazio è un’operazione costosa. consiglio la sony rx100 che è di fatto leader indiscussa di questo settore. rx100m6 se si cerca un buono zoom, la precedente rx100m5 che ha la medesima qualità (se non meglio) ma con meno zoom, la ancora precedente rx100m4 se si vuole risparmiare e così via.

MICRO 4/3 – COMPATTE: in questa fascia si trovano già delle mirrorless a lenti intercambiabili; hanno la forma delle classiche reflex, tutti i controlli manuali, e una buona gamma di obiettivi, rimangono piccole e leggere ma non tascabili. Diverse hanno uno stabilizzatore ottico molto potente, che permette quindi tempi di scatto lunghi quindi foto (a soggetti statici, come paesaggi) molto nitide in condizioni di poca luce. tuttavia il sensore è piuttosto piccolo, quindi non è facile fare molto sfuocato se non con lenti luminose e quindi molto costose. Consiglio la olympus M10 m3 se c’è budget, o la m2 che è molto simile.

APS-C O FORMATO CROP – COMPROMESSO: questa è la fascia in cui risiedono quasi tutte le reflex entry level; il sensore è grande i 2/3 del sensore “professionale” quindi con ottiche luminose può già dare un buono sfocato (se ne trovano anche alcune fisse, ovvero senza zoom, a buon prezzo). I corpi macchina e le lenti tuttavia diventano già un po’ ingombranti, specialmente se si parla di reflex tradizionali; con le mirrorless si riesce a risparmiare spazio.
L’offerta in questa fascia si concentra in fasce:
— REFLEX ENTRY LEVEL con un’ottima qualità fotografica, ottimo prezzo, ma carenza di funzioni moderne come autofocus avanzato e stabilizzazione immagine; sono spesso un po’ plasticose e hanno il solito aspetto da vent’anni, ma se avete buona tecnica possono dare grandi risultati rispetto al prezzo; consiglio la nikon d3500 (o se vi capita, anche una precedente d3400 o d3300 che sono pressoché identiche e vengono aggiornate solo per marketing). se si punta al risparmio assoluto, Canon è qualitativamente un gradino sotto ma molto più economica. importante, non fissatevi sulla parola “reflex” e valutate anche le mirrorless.
— MIRRORLESS ENTRY LEVEL in questa fascia troviamo prezzi simili alle reflex, stesse capacità di sensore, ma qualche avanzamento tecnologico in più, sul piano dell’autofocus principalmente, unito a un corpo leggermente più compatto. consiglio a mani basse la sony a6000, che è anche la fotocamera “economica” che consiglio in assoluto. in questa fascia esistono valide alternative tipo a5100 o canon m100 ma non hanno il mirino ma solo lo schermo, ed è una carenza che io trovo inaccettabile se si vuole fare fotografia più seriamente.
— FASCIA MEDIA in questa fascia troviamo delle ottime reflex ma ancor più delle ottime mirrorless, mi sposterei decisamente su quelle. abbiamo la sony a6400, la sorella maggiore della a6000, che è tecniamente eccellente. abbiamo anche le fujifilm, forse leggermente meno tecniche ma bellissime da vedere, da usare, e con ottima qualità soprattutto se non si vuol fare tanta postproduzione. consiglio a mani basse la fujifilm x-t30.

FORMATO FULL FRAME – PROFESSIONALI: le full frame, ovvero quelle col sensore “pieno”, pari in dimensione alla vecchia pellicola (24x36mm) sono le fotocamere usate da quasi tutti i professionisti. esistono sia mirrorless che reflex, sono spesso ingombranti e pesanti, piuttosto costose, ma danno immagini di qualità massima senza alcun compromesso, hanno autofocus velocissimo e mille funzioni che, se sapete gestire, danno i migliori risultati in ogni condizioni. in questa fascia attualmente sony è leader con la serie A7-3 e A7R-3, nikon ha delle reflex eccellenti con D750 e D850 e le nuove mirrorless Z6 e Z7, canon è piuttosto indietro come tecnologia sulle reflex ma finalmente sta producendo delle valide mirrorless come la EOS R.